sicurezza

Negli impianti GPL un po' più vecchi si verificava una leggera perdita di potenza di circa il 5% rispetto al funzionamento a benzina, ma ormai gli impianti di ultima generazione danno degli standard di prestazioni e affidabilità sostanzialmente identici all'alimentazione a benzina, infatti ripresa, accelerazione e velocità di punta, sono praticamente restano praticamente invariati passando al GPL.
I consumi di carburante sono leggermente superiori nell'impianto GPL, in quanto il potenziale calorico è inferiore rispetto alla benzina. Questo leggero aumento dei consumi (circa il 5%) è comunque ampiamente compensato dai minori costi del carburante alla pompa.




Per anni si è pensato che un'auto alimentata a GPL fosse più pericolosa e insicura rispetto alle auto alimentate a benzina. Questo non è più vero in quanto gli standard di sicurezza e le procedure da rispettare, sono tali e tante che addirittura si può pensare che sia più sicura un'auto alimentata a GPL. Infatti ogni componente utilizzato (serbatoio, tubazioni) sono decisamente più sicuri in un impianto gpl. Basti pensare che i normali serbatoi della benzina sono in materiali plastici e i tubi in plastica o gomma, invece il serbatoio GPL e in acciaio (di uno spessore decisamente superiore a quello necessario alla pressione sopportata) e i tubi in materiali metallici.
Anche i test vengono effettuati per resistere a tutte le situazioni più pericolose: tamponamento, incendio, calore, ecc.
Addirittura il livello di sicurezza ottenuto con gli impianti a GPL di ultima generazione è talmente elevato che in alcuni Paesi le compagnie di assicurazione prevedono degli sconti per le auto con alimentazione a GPL.

parcheggio

I veicoli conformi al Regolamento ECE/ONU 67/01, possono parcheggiare al 1° piano interrato delle autorimesse. Di fatto, chi ha trasformato a GPL o acquistato il proprio mezzo a partire dal 1° gennaio 2001, ha montato obbligatoriamente un impianto di questo tipo.
I veicoli a GPL che montano impianti non dotati di sistema di sicurezza conformi al regolamento ECE/ONU 67/01, saranno ancora soggetti alle restrizioni previste da Decreto 1 Febbraio 1986 "Norme di Sicurezza per la costruzione e l'esercizio delle autorimesse e simili", che consente ai possessori di veicoli a GPL di parcheggiare "soltanto nei piani fuori terra, non comunicanti con piani interrati".
Comunque, chi ha installato sul proprio mezzo un impianto a GPL prima del 1° gennaio 2001, e quindi non in regola con il 67/01, può informarsi sulle modalità di adeguamento presso il suo installatore di fiducia o ai numeri verdi del Consorzio GPL Autotrazione (800 500501 - 800 015095).